Back to Top
 English

Carta della mobilità casa-scuola

Author: Margaret Pesuit
Posted on: Thursday, July 7, 2016 - 08:20

Negli ultimi quindici anni, in Italia sono stati attivati numerosi progetti e iniziative a livello locale sul tema della mobilità casa-scuola, in quanto avente un forte impatto – soprattutto in ambito urbano - sull'ambiente, sulla fruibilità degli spazi pubblici, sulla crescita autonoma delle nuove generazioni. Per nove mesi all'anno, ogni scuola è un importante attrattore di mobilità urbana: infatti ogni giorno scolastico, per almeno due volte al giorno, migliaia di studenti, genitori, insegnanti e personale scolastico si recano a scuola.

In Italia oltre i 2/3 degli studenti delle scuole dell'obbligo si reca quotidianamente a scuola in automobile, mentre invece negli anni '80 oltre l’80% dei bambini andava a scuola a piedi o in bicicletta. La scelta di utilizzare l’auto, figlia dell'attuale modello territoriale, economico, culturale e favorita dall'obbligo degli insegnanti - all'uscita da scuola - di consegnare gli studenti ad un adulto, trae spesso origine dalla percezione di maggiore sicurezza e rapidità di spostamento o da una semplice scelta di comodità per l’adulto accompagnatore.

Nell'ultimo periodo, abbiamo assistito al formarsi di una buona consapevolezza e attenzione al tema a livello nazionale. Per esempio, la recente Legge n. 221/2015 “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali“ - Collegato Ambientale 2014 riconosce l’importanza e la priorità strategica di intervenire sulla mobilità casa-scuola.

Prendendo spunto dalla Legge 221, il Convegno "Muoversi tra casa e scuola: opportunità per la persona e per la città" tenutosi lo scorso 4 aprile a Reggio Emilia, è stata l'occasione per riunire tecnici, professionisti, insegnanti ed Amministratori e fare il punto sul tema della mobilità casa-scuola in Italia ed in Europa.

E’ stata evidenziata la necessità di un approccio multidisciplinare che tenga conto degli aspetti legati a qualità dell'aria, sicurezza, pianificazione, salute, autonomia per citare i principali.

Inoltre sono state presentate alcune esperienze significative in essere in questo momento in Italia, come quelle dei Comuni di Reggio Emilia, Venezia, Pesaro, e in Europa, all'interno dell'Iniziativa CIVITAS. Tutte le slide della giornata e una sintesi degli interventi sono pubblicate al link http://www.municipio.re.it/retecivica/urp/retecivi.nsf/PESDocumentID/997D2D8DC5F4CD6DC1257F81003F8D64?opendocument&FROM=Rggrsprpprvtldlbr.

A conclusione della giornata, è stata presentata una prima proposta di “Carta della mobilità casa-scuola” per una mobilità sicura, sostenibile e autonoma da sottoporre ai rappresentanti delle Regioni e dei Ministeri competenti per affrontare in modo risolutivo il tema.

Per riconsegnare alle città una mobilità casa-scuola sicura, sostenibile e autonoma, è infatti necessario un lavoro sinergico e continuativo nel tempo. La rete CIVINET Italia, le città italiane e tutti gli interessati al tema (Scuole, famiglie, associazioni, etc.) chiedono quindi di risolvere cinque questioni prioritarie al fine di rendere i percorsi casa-scuola un'esperienza positiva per bambini e famiglie e di migliorare la qualità della vita nelle aree urbane:

  1. Risolvere la questione della responsabilità dei minori all'ingresso/uscita da scuola;
  2. Riconoscere il ruolo del Mobility Manager Scolastico, formalmente ed economicamente, e definire una formazione professionalizzante, riconosciuta e permanente per questo ruolo;
  3. Inserire il tema della mobilità casa-scuola in modo strutturale nei diversi livelli di offerta formativa
  4. Istituire all'interno delle Amministrazioni locali e sostenere con risorse adeguate dei tavoli di lavoro permanenti ed interdisciplinari sulla mobilità casa-scuola composti dai vari attori coinvolti nel tema (Comune, Scuole, Arpa, USL, etc.);
  5. Riconoscere la mobilità casa-scuola come una priorità a livello urbano e quindi inserirla negli strumenti di pianificazione nazionali e locali, prevedendo adeguate risorse finanziarie a livello nazionale.

Il percorso di creazione della Carta è poi proseguito nelle settimane successive con diverse occasioni di condivisione del suo contenuto (tra cui l’Assemblea di CIVINET Italia il 9 giugno a Parma), con diversi spunti per integrare il testo della Carta, arrivati anche tramite e-mail.

La versione definitiva della Carta (disponibile qui in basso) è stata presentata il 30 giugno a Firenze durante il convegno “Muoversi in Toscana” organizzato in collaborazione con la Regione Toscana.

A questo punto chiediamo di sottoscrivere la Carta a tutti gli Enti, i membri della rete CIVINET, Associazioni, etc. attraverso il proprio legale rappresentante e di inviarlo, con una scansione, ad ISINNOVA (sproietti@isinnova.org) entro il 23 settembre 2016. Un fac-simile della lettera di sottoscrizione è disponibile qui in basso, con la possibilità di adattarlo e personalizzarlo secondo le proprie esigenze.

La Carta con le adesioni sarà in seguito ufficialmente presentata ai Ministeri competenti.

Add comment

Log in or register to post comments

News Search

Latest Events

27/03/2017 to 28/03/2017
Multilateral and direct cooperation between European regions and cities has been extremely intense i...
04/04/2017 to 05/04/2017
Smart & Healthy Transport in Cities Conference Tuesday, April 4, 2017 (All day) to Wednesday, A...
05/04/2017
The CIVITAS NOVELOG Turin Workshop ‘Green solutions for urban logistics’ is the fourth of six NOVELO...
07/04/2017
After a short introduction into the work of the ELIPTIC project and the use cases related to the web...
01/05/2017 to 31/05/2017
The European Cycling Challenge is the biggest urban cyclists' team competition, which takes place ev...